Fondazione Magnani Rocca – La musica nell’arte

Descrizione

“Il gusto per la pittura, per la musica, per la poesia nacque in me non disgiunto. Questo giustifica anche la varietà nei miei interessi culturali e del mio lavoro”, confidava Luigi Magnani allo storico dell’arte Carlo Bertelli.
All’arte, alla musica, alla letteratura Magnani (1906-1984) dedica tutta la vita, integrandole attraverso l’insegnamento universitario, la composizione – è allievo di Alfredo Casella – le conferenze, gli scritti, come quelli su Mozart e Goethe, Schoenberg e Mallarmé, Beethoven, Stendhal, Proust, Mann, Morandi, Dallapiccola.
La musica è un tema ricorrente nelle sale della Villa Magnani Rocca: la evocano anche i soggetti di alcune opere d’arte, come le pagine di antifonari e corali miniati di epoca medievale, Tromba sulla spiaggia e W Mozart di Filippo De Pisis, Natura morta con strumenti musicali di Gino Severini e quella dell’amico Giorgio Morandi, unica opera emblematicamente eseguita dall’artista su commissione.