Bottega Luigi e Primo Contavalli

Descrizione

Il laboratorio, attivo per oltre un secolo, dagli anni Ottanta dell’Ottocento al 1989, si presenta ancora integro nella sua sede originaria. Il luogo conserva il fascino di una bottega artigianale, dove si respira ancora il forte legame che lega il liutaio al suo strumento: la ricerca sui materiali, la conoscenza del legno e della musica, l’amore per un modo di lavorare fatto di continua sperimentazione.
Sono presenti, come Primo Contavalli li ha lasciati, i tavoli da lavoro, gli armadi, gli utensili, i barattoli e le bottiglie con le vernici naturali, gli stampi per gli strumenti, i campioni di legno. Le pareti sono tappezzate da fotografie, ricordi, diplomi, onorificenze che raccontano una lunga storia professionale e umana.
Completa il laboratorio un ricco archivio costituito da appunti e quaderni di lavoro con la scheda identificativa degli oltre trecento strumenti fabbricati da Primo Contavalli, lettere e cartoline, testimonianze dell’intensa attività dei liutai.