Casa del Suono – Fonografi e grammofoni

Descrizione

La Casa del Suono ospita anche una ricca esposizione di apparecchi storici di riproduzione e trasmissione del suono che documentano l’evoluzione tecnologica del settore e i suoi risvolti sociali. Gli apparecchi appartengono in gran parte alla collezione di don Giovanni Patanè (Giarre 1924 – Parma 2000) per molti anni parroco in un paese della provincia parmense. La collezione conta circa 400 pezzi che vanno dai primi esemplari di fonografi e di radio a galena, datati tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento, agli apparecchi radiofonici e ai fonoriproduttori della metà del Novecento. Apparecchi e strumenti che documentano i decenni successivi provengono da altre donazioni o sono stati acquistati dalla Casa della Musica.
Il percorso espositivo è così articolato: il suono riprodotto: dal fonografo di Thomas A. Edison al grammofono di Emile Berliner; il suono trasmesso: la nascita della radio, dalle radio a galena all’invenzione della valvola; il suono in casa: la radio come primo mezzo di comunicazione di massa; il suono in tasca: dal mobile al portatile; il suono per tutti: nascita del microsolco, della stereofonia e invenzione del transistor; il suono nuovo: dall’analogico al digitale.