In figurina: cucina fin-de-siècle

Descrizione

Le stampe popolari, diffuse in Europa dal Quattrocento, sono in pratica le antenate delle figurine. Se in origine le stampe avevano soprattutto un contenuto religioso, col tempo prendono le distanze dal culto, almeno una buona parte di esse diventano “laiche”. Spesso hanno un contenuto satirico e cronachistico e tendono alla diffusione della conoscenza: la vocazione enciclopedica è un aspetto che le accomuna alle figurine, dove l’illustrazione è accompagnata dalla spiegazione stampata sul retro.

Ne sono un eloquente esempio queste figurine che illustrano cuochi e cuoche che si apprestano a realizzare alcune ricette a base di volatili che forse non sono ormai molto attuali. La pollastra al crescione, il tacchino ai tartufi, le pernici ai cavoli, i piccioni ai piselli, l’oca ai marroni e l’anitra ai navoni sono efficacemente illustrati col contorno dei vari ingredienti previsti dalle ricette e descritte ‘a tergo’.