La colazione

Descrizione

I dipinti realizzati tra le due guerre, in meno di dieci anni, raccontano in modo diverso la colazione. “La colazione del mattino” di Amedeo Bocchi è ambientato in giardino, l’ambiente è silenzioso e pieno di luce. Sono ritratte la madre del pittore, la modella appena sposata e la figlia undicenne nata dalla prima moglie. Sulla tavola una candida tovaglia e poche suppellettili, le donne, assorte, consumano un rito più che un pasto. Felice Carena dipinge la colazione campestre in “Quiete”. Dipinto significativo nel percorso della pittura italiana avviato nel primo dopoguerra. Le figure di nudi inserite nel paesaggio riprendono il tema idilliaco che discende da Giorgione e Tiziano, ma vi è un omaggio alla pittura impressionista, con il riferimento al “Déjeuner sur l’Herbe” di Manet e post impressionista con due contadini che ricordano Gauguin. Le nature morte del Seicento sono evocate nei panneggi, nelle vivande e nelle suppellettili in primo piano.