La terraglia Aldrovandi “all’uso di Inghilterra”

Descrizione

Seguendo una moda del tempo, anche a Bologna alla fine del Settecento alcune nobili famiglie promuovono una produzione ceramica di qualità. Il conte Carlo Aldrovandi Marescotti inizia nel 1793 nello suo palazzo di via Galliera una produzione di terraglia ‘all’uso d’Inghilterra’. In questo paese tra il 1760-70 J. Wedgwood, dopo vari esperimenti aveva trovato la formula della ‘mezza porcellana’ : un materiale duro, bianco avorio, leggero, plastico e sonoro.

La terraglia Aldrovandi è prodotta dopo una serie di sperimentazioni, di colore bianco latte è leggera e ha il tocco sonoro come la porcellana, di cui possiede molte caratteristiche, per tale ragione è definita anche ‘mezza porcellana’. Queste ceramiche, in genere bianche, non traggono beneficio dal colpo d’occhio dato dal colore ma possono contare sulla ricercatezza della forma e la plasticità del movimento. La decorazione gioca con trafori e intrecci o con figurine, sfingi, motivi zoomorfi e fitomorfi che ne affermano l’intrinseca originalità. La vernice che le ricopre è tersa, non molto lucida, liscia e piacevole al tatto.

Foto di Andrea Scardova.