Rocca di Sestola – Strumenti musicali meccanici

Descrizione

Inaugurato nel 1993, il Museo espone circa 120 esemplari appartenuti alla collezione dell’ingegnere olandese Eduard Thoenes. Gli strumenti, di cui solo il venti per cento è ancora funzionante, documentano l’evoluzione della tecnica musicale applicata alla meccanica dal Settecento fino ai giorni nostri; esposti al piano superiore della Rocca, sono suddivisi in diverse sale a seconda della famiglia di appartenenza: pianole e piani a cilindro, organetti e carillons.
Vale la pena ricordare che gli strumenti musicali meccanici sono strumenti a tutti gli effetti, ma con la caratteristica di suonare senza l’intervento diretto dell’uomo: sono in grado cioè di leggere e riprodurre una musica scritta o registrata su un supporto meccanico che può essere il classico cilindro o rullo punzonato, un nastro o rotolo di cartone o di carta perforato oppure un disco di metallo perforato.