Collegio Alberoni – Piacenza

Via Emilia Parmense, 67

29100 Piacenza

0523 577011

Il Collegio, che dal secolo scorso sussiste come Opera Pia con funzioni di seminario, venne istituito dal cardinale Giulio Alberoni (1664-1752) per la formazione dei chierici indigenti ed aperto nel 1751 nell’antico Ospedale di San Lazzaro. Qui è esposta una parte delle collezioni del cardinale, figura chiave della politica farnesiana e artefice delle nozze tra Filippo V ed Elisabetta Farnese.

Tra gli oggetti d’arte, provenienti dalle collezioni alberoniane già conservate nei palazzi romani e nella residenza piacentina, figurano importanti opere di Antonello da Messina (Ecce Homo), Dughet, Cerquozzi, Courtois, Mola, Reni, Giordano, Gaulli, Solimena, Ceruti, Pannini, Ferrari, oltre ad una raccolta di dipinti fiamminghi di Bouts, Provost, Mabuse, de Blés, che costituisce un unicum nella nostra regione. Altrettanto preziosa nel collezionismo locale è la raccolta degli arazzi fiamminghi divisi in tre serie: serie di Priamo (Quattrocento), tessuta in occasione delle nozze di Massimiliano d’Asburgo con Maria di Borgogna; serie di Enea e Didone (Seicento), su cartoni di Gian Francesco Romanelli; serie di Alessandro Magno (Seicento), su cartoni di Jacob Jordaens.