Museo Aldrovandi – Biblioteca Universitaria Bologna

Via Zamboni, 33/35

40126 Bologna

051 2088300

Il Museo fu allestito da Ulisse Aldrovandi (1522-1605), fondatore della storia naturale moderna, nell’intento di ricostituire un catalogo e un’immagine dei tre regni della natura, da lui stesso descritti nei 13 volumi della Storia Naturale. A tal fine Aldrovandi acquistò “naturalia” e “mirabilia” e accorpò 18.000 “diversità di cose naturali” e 7.000 piante essiccate, suddivise in 15 volumi.

Al museo appartenevano 17 volumi con migliaia di raffigurazioni di animali, piante, minerali e “mostri”, e 14 armadi, le “pinachoteche”, con le matrici xilografiche per i testi a stampa. Nel 1617 il museo fu collocato nel Palazzo Pubblico; qui restò fino al 1742, quando fu trasferito in Palazzo Poggi, sede dell’Istituto delle Scienze. Nel XIX secolo la raccolta venne smembrata. Nel 1907 una parte dei reperti fu riorganizzata in una sezione dedicata.

Oggi nelle bacheche del museo di Palazzo Poggi sono rimasti soprattutto gli oggetti inerenti gli studi di storia naturale di Aldrovandi, mentre tutto il materiale librario (manoscritti, libri a stampa, tavole acquerellate ecc.,) e le tavolette xilografiche sono nel patrimonio della Biblioteca Universitaria.