Museo Nazionale – Ravenna

Il primo nucleo della collezione fu raccolto e organizzato nel monastero di Classe da Enrico Pazzi tra il 1884 e il 1885, sulla base delle opere riunite nel Settecento dai frati camaldolesi. Ha sede dal 1913-14 all’interno del complesso conventuale di San Vitale, in stretta contiguità con alcuni fra i più celebrati monumenti dell’arte ravennate come l’omonima basilica e il Mausoleo di Galla Placidia.

Il museo è composto da un formidabile e poliedrico insieme di raccolte storiche, archeologiche e artistiche che si snodano lungo antichi chiostri, nelle sale e negli ambienti dell’ex convento benedettino, occupando una superficie espositiva di oltre cinquemila metri quadrati.